Gibellina PhotoRoad

Dal 26 LUGLIO al 31 AGOSTO 2019 ritorna il Gibellina PhotoRoad il primo festival “open air” e “site specific” organizzato dall’Associazione culturale On Image e co-organizzato dalla Fondazione Orestiadi, con la direzione artistica di Arianna Catania e ilpatrocinio del Comune di Gibellina, MainPartner Festival Images Vevey.
Installazioni fotografiche di grande formato, mostre outdoor, talk e proiezioni in una città che è uno dei più grandi musei d’arte contemporanea “a cielo aperto” del mondo. Un’eccezionale occasione per ammirare alcuni fra i lavori fotografici più interessanti degli ultimi anni, presentati nello spazio urbano con visionari e innovativi allestimenti “all’aperto”, alla ricerca di nuove interazioni con il pubblico. La seconda edizione mostraun nuovoepiù ricco programma che, per oltre un mese, dal 26 luglio al 31 agosto 2019, porterà nella cittadina trapanese più di 30 gli artisti provenienti da diversi Paesi europei ed extraeuropei, chiamati a confrontarsi con un luogo dalla storia unica.

Tra gli artisti gli svizzeri Taiyo Onorato & Nico Krebs, Christian Lutz, Nicolas Polli, Olivier Lovey, Manon Wertenbroek, i francesi Morgane Denzler, Sophie Zenon, Michel Le Belhomme; il tedesco Tobias Zielony, gli italiani Mario Cresci, Moira Ricci, Mustafa Sabbagh, Alterazioni Video, Gianni Cipriano, Federico Clavarino, Novella Oliana, Gian Marco Sanna, Andrea Alessandrini, Giorgio Varvaro; dal Messico Monica Alcazar-Duarte, e Brian Mc Carty dagli USA e il ritorno di Joan Fontcuberta, fotografo e teorico dell’immagine, curatore e scrittore catalano che presenterà un immenso murales composto da 6075 mattonelle di selfie, inviate dai cittadini gibellinesi all’artista che le ha poi ricomposte per formarne un’immagine unica dal titolo “Gibellina Selfie- lo sguardo di tre generazioni”, il più grande foto-mosaico murale di Fontcuberta al mondo, e verrà donato alla città, convertendosi in un’icona della stessa Gibellina.

Il tema di questa edizione è “Finzioni”. “Tra tutte le arti la fotografia è la prima a usare la realtà come irrinunciabile materia prima, eppure anch’essa, lo strumento tecnico nato per riprodurre gli occhi in perfetta copia, è una finzione: si inserisce negli angoli più nascosti del tangibile per renderlo talmente vero da sembrare irreale. D’altronde, chi l’ha detto che ciò che i nostri occhi vedono sia la realtà? La fotografia contemporanea, ormai molto lontana dall’essere considerata mera rappresentazione del reale, in questo è assoluta protagonista perché scompone la realtà: rielabora il passato immaginando il futuro, e crea tracce di un’anti-realtà, o meglio di mille realtà altre possibili, tutto vere e false allo stesso tempo”, spiega Arianna Catania, direttore artistico del Festival.

Le location

Baglio Di Stefano restaurato dagli architetti Collovà, Aprile, La Rocca nel 1981. Oggi è sede della Fondazione Orestiadi e del Museo delle Trame Mediterranee che conserva un’importante collezione d’arte contemporanea. In esterno è collocata “La Montagna di sale” di Mimmo Paladino. Il cortile ospita le Orestiadi di Gibellina, rassegna internazionale di teatro, alla sua XXXVIII edizione.
Municipio La grande piazza su cui si affaccia il Palazzo Comunale, progettato nel 1972 da G. e A. Samonà, con Vittorio Gregotti, è circondata da un portico con pannelli in ceramica di Carla Accardi e Pietro Consagra (1985). Collocate le sculture “Città di Tebe” di P.Consagra, “Città del sole” di M.Rotella (1987), “Torre Civica” di A.Mendini (1988). All’interno del Palazzo è posto il grande mosaico di Gino Severini.

Sistema delle piazze: cinque piazze comunicanti, disegnato dagli architetti Franco Purini e Laura Thermes, di cui solo tre realizzate alla fine degli anni Ottanta. La prima piazza, con un ingresso monumentale, accoglie le “Tracce Antropomorfe” di Nanda Vigo (1978), realizzate con frammenti riportati dalla vecchia città. È delimitata inoltre da piramidi a gradoni.
Palazzo di Lorenzo: progettato dall’architetto Francesco Venezia nel 1981, nasce come Museo. L’edificio si sviluppa attorno ad una parte della facciata di Palazzo di Lorenzo, sopravvissuta al terremoto e qui trasportata e ricostruita, inglobata su uno dei lati lunghi del cortile interno; da qui una rampa, che rievoca le strade in salita dell’antica città, conduce al piano superiore, costituito da un lungo corridoio.
Piazza Beuys: realizzata nei primi anni Novanta da Pierluigi Nicolin, è dedicata all’artista tedesco Joseph Beuys, che a Gibellina soggiornò durante il Natale del 1981 pensando a un Sacro Bosco di trecento querce che sarebbe dovuto nascere sui loghi della ex-baraccopoli. Sulla piazza si affacciano due edifici progettati da Pietro Consagra, e unici esempi della sua “Città frontale”: il Meeting e il Teatro.
Teatro: L’edificio doveva diventare teatro, museo e biblioteca. Costruito a cavallo del principale asse viario della città ha subìto negli anni varie modifiche che ne hanno snaturato la destinazione d’uso e la ripartizione degli spazi interni. Malgrado la sua condizione di “incompiuto”, incarna e rende pienamente leggibili i principi della “Città frontale”. Da scultore, Pietro Consagra ha ideato un edificio con piani curvi e continui, senza angoli retti.
Chiesa Madre: con la sua natura monumentale e civile è stata progettata da Ludovico Quaroni e Luisa Aversa nel 1972 e completata nel 2010, è una delle architetture più imponenti e affascinanti della città. È composta da un parallelepipedo cui si innesta in uno dei vertici, una sfera-abside bianca alta 16 metri.
Meeting: progettato da Pietro Consagra nel 1976 e ultimato nel 1983, è il primo edificio realizzato della teorizzata “Città frontale”, caratterizzato da sinuose curve le cui facciate sono costellate da vetri di forme oblique. Oggi ospita una galleria d’arte e un bar.
Giardino Segreto: è un’opera architettonica di Francesco Venezia, realizzata nel 1992. Uno spazio quadrangolare senza copertura e accessibile da due strette fessure. All’interno “Renaissance”, scultura di Daniel Spoerri, e la “Città del Sole” di Mimmo Rotella.

Dal 26 LUGLIO al 31 AGOSTO 2019, GIBELLINA, SICILIA.
Giornate di inaugurazioni ed eventi 26/27/28 LUGLIO.


Sito Ufficiale: gibellinaphotoroad.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *